Provincia, la maggioranza chiede a Florido di restare

florido

TARANTO – No alle dimissioni anticipate. È la richiesta della maggioranza di centrosinistra che governa la Provincia di Taranto avanzata al Presidente Gianni Florido, del Pd. Lo stesso Presidente,  aveva ventilato questa possibilità nelle scorse settimane alla luce del ridimensionamento, sia di competenze che finanziario, delle stesse Province nell’ambito delle decisioni assunte dal Governo.

 Ecco  perché, nella  prima riunione di giunta post-feriale, a Florido è stato consegnato un documento elaborato dal vice Presidente Costanzo Carrieri, del Pd e condiviso sia dagli Assessori che dai Consiglieri di maggioranza.

“Il previsto accorpamento delle Province di Brindisi e Taranto prefigura uno scenario del tutto nuovo. Le ripercussioni sul piano sociale, culturale ed economico sono tutte da verificare – si legge nel documento -. Dal contributo offerto alla concertazione istituzionale agli investimenti per l’edilizia scolastica e la manutenzione stradale, dalle opere pubbliche alla promozione territoriale, da una oculata gestione delle sempre minori risorse finanziarie a disposizione alle misure adottate per migliorare la qualità della vita, la Provinciadi Taranto ha sempre svolto egregiamente la sua parte. Noi – prosegue la missiva – siamo altresì convinti che questa significativa stagione politica e istituzionale debba essere preservata ed anzi portata a termine in ossequio al mandato elettorale ricevuto dai cittadini di Terra Ionica.

Noi tutti avvertiamo il dovere di completare quelle opere descritte nel programma elettorale con il quale nel 2009 abbiamo ottenuto il necessario consenso per amministrare il nostro territorio, in continuità con l’ottimo lavoro svolto nel quinquennio precedente. Più in generale, poi, Taranto e la Terra Ionica stanno affrontando sfide particolarmente impegnative tra le quali spicca la battaglia contro l’inquinamento, in una prospettiva di progressiva ambientalizzazione dell’apparato industriale.

Sarebbe pertanto inopportuno se la Provinciadi Taranto si chiamasse fuori proprio ora da questo nuovo ciclo del quale fanno finalmente parte anche i superiori livelli istituzionali e cioè la Regione Puglia e il governo nazionale. Caro Presidente – ed è qui l’appello della maggioranza a Florido – alla luce di queste considerazioni ti invitiamo a condividere con noi ulteriori momenti di approfondimento di questi importanti temi e se del caso, a rivedere la tua annunciata decisione di dimetterti dalla carica di Presidente della Provincia”.