Cronaca

Papà e figlia in balia del mare. in tanti si lanciano per salvarli ma rischiano di annegare

GALLIPOLI – Probabilmente avevano sottovalutato le condizioni del mare che era agitato per il forte vento. Una decina di persone si è ritrovata a lottare per non annegare nello specchio d’acqua della località Padula Bianca a Gallipoli. Un uomo di 73 anni di Collepasso, Giuseppe il suo nome, in compagnia della nipote Rebecca di 14 anni hanno raccolto la richiesta di aiuto di una ragazzina in mare in evidente difficoltà. Mentre l’uomo si è lanciato in mare, la 14enne con un’altra coetanea, ha raggiunto immediatemnte la postazione di un bagnino di uno stabilimento privato per segnalare la situazione di pericolo. Il 73enne è riuscito a prendere la bambina in difficoltà, la stessa segnalava la presenza al largo della sorella e del padre che non riuscivano a rientrare a causa delle forti correnti. Il bagnino del lido insieme ad uno dei titolari si sono lanciati in acqua con il pattino di salvataggio. Nel frattempo altre persone che avevano notato la coppia al largo avevano cercato di raggiungerli ma anche loro sono andati in difficoltà rischiando di annegare. Un lavoro straordinario quello dei soccorritori che con l’aiuto del mezzo di salvataggio e di salvagenti sono riusciti a portare a riva buona parte delle persone in difficoltà, altri sono riusciti a farlo a nuoto. Una brutta avventura certamente risoltasi grazie alla prontezza di riflessi di alcune persone e che invita tutti a non sottovalutare mai le condizioni del mare soprattutto quando il vento è forte.

Articoli correlati

Salento, scoperta evasione fiscale nel settore turistico marittimo

Redazione

Vasto incendio a Spiaggiabella. Le fiamme lambiscono alcune abitazioni

Antonio Greco

Associazione mafiosa, 4 arresti dopo il ricorso della Dda di Lecce

Redazione

La Guardia Costiera di Brindisi salva sei diportisti

Andrea Contaldi

In quattro restano feriti durante il giro in giostra. Paura a Gallipoli

Paolo Franza

Distretto sanitario neretino senza medici e infermieri: “allarme inascoltato da anni”

Redazione