EventiSport

Corvino e Trinchera aprono a Baroni. Pronto un contratto annuale. Confermati Coppitelli e Schipa

LECCE – (t.d.g.) Corvino, atto secondo. Il direttore generale dell’area tecnica Pantaleo Corvino ha parlato della fase operativa che sarà tracciata in questi giorni. A prendere la parola è stato Corvino, il quale si è soffermato soprattutto sulla Primavera chiarendo alcuni punti.

PRIMAVERA – “Per la Primavera confermato Coppitelli, per l’Under 18 Schipa. L’Under 18, da quest’anno, sarà sotto la mia supervisione”, ha annunciato il dirigente giallorosso. “Si è dato poco risalto alla vittoria della Primavera e molto al fatto della presenza di stranieri. Motivo per cui si attuerà una riforma. Una riforma perché il Lecce ha una rosa di stranieri. Ma conoscono il motivo? La riforma bisogna farla a livello di Prima squadra. Le potenzialità del calcio italiano sono aride, nella mia provincia e pure nelle altre”.

Corvino ha fornito pure i numeri della Primavera: il monte ingaggi è di 360 mila euro lordi, “che equivalgono a 517 mila euro di costi aziendali. Per i cartellini spesi 145 mila euro (e 86 mila di commissioni), più 200 mila per riscattare Dorgu. “Quando sono ritornato non sapevate dove giocava la Primavera. A Sassuolo c’erano 2 mila tifosi giallorossi”.

Sulla Prima Squadra il primo step riguarda Marco Baroni. Con il tecnico ci sarà un incontro per trovare un accordo. “Ci confronteremo con Baroni – ha detto Trinchera -,vogliamo continuare insieme a lui. Ci sarà un confronto totale su tutto”.

Stefano Trinchera, direttore sportivo del Lecce

Corvino ha puntualizzato che se ci sarà un nuovo matrimonio con il tecnico sarà per un altro anno. “Abbiamo le idee chiare su tutto”, ha rimarcato il direttore generale dell’area tecnica.

Sul parco calciatori è stato esercitato il diritto di riscatto per Falcone e Colombo. “Per l’attaccante – ha affermato Trinchera – il Milan ha esercitato il controriscatto”. E Corvino ricorda che il Lecce incasserà comunque tra 1,5 e 1,7  milioni. “Cercheremo di migliorarci, ma noi non lavoriamo per gli altri bensì per il nostro patrimonio tecnico. È chiaro che se si presenta un’offerta irrinunciabile, il club non può non tenerne conto.

PONGRACIC – Sul difensore croato il Lecce non ha esercitato il diritto di riscatto mentre “Umtiti – ha proseguito Trinchera -, è stata una genialata del mercato estivo di Corvino. Adesso gli scenari sono cambiati sia per il Barcellona che per il calciatore stesso”

Articoli correlati

La piazza di Lecce profuma di buono

Redazione

Gotti a Cagliari potrebbe confermare il Lecce delle ultime due gare

Lecce all’ostacolo Como: tabù “Sinigaglia” per la capolista. Le probabili formazioni

Redazione

Il Lecce si inchina alla Reggina

Redazione

Pareggio amaro del Lecce a Pagani

Redazione

Lecce, nasce la nuova difesa con Cosenza e Gigli

Redazione