Dillo a TeleRama

“Cristo si è fermato in via Eboli”: strada groviera, la segnalazione a DilloATelerama

LECCE – Via Eboli versa in condizioni di palese degrado”. Esordisce così una telespettatrice che ha scritto al nostro numero whatsapp DilloATelerama. E come potete vedere dai video che ci ha inoltrato, le immagini parlano chiaro. Tutta la strada, dall’inizio alla fine, è dissestata. Recentemente sono caduti rovinosamente due ciclisti a causa delle buche profonde nell’asfalto, buche che ci costringono a fare lo slalom con le auto per evitarle.“ – ci racconta e continua – “Procedendo sono evidenti i laghi che si formano sistematicamente dopo le piogge e che ci impediscono anche di parcheggiare. A ciò va segnalato il crollo parziale del muretto delimitante la strada ormai coperto dalle erbacce. Il che impedisce ulteriormente di parcheggiare bene le auto a rischio di cadere giù nel terreno sottostante”. E ancora, “Dulcis in fundo, la strada, a fondo cieco, termina a punta nella campagna e qui i rovi hanno letteralmente aggredito il marciapiede nonché buona parte del muro di cinta di una villetta”. Ma non finisce qui. La telespettatrice lamenta inoltre in zona la presenza faunistica di serpenti, ricci, vespe, api, pappataci vari, lucertole di vario tipo e zecche. La donna fa anche riferimento a un sopralluogo effettuato nel novembre 2021 da parte di assessori e consiglieri e nonostante questo, nulla è cambiato. L’auspicio è che chi di competenza possa intervenire al più presto. 

“E’ proprio il caso di dirlo, Cristo si è davvero fermato a Eboli”, conclude ironicamente la nostra telespettatrice.

Vi ricordiamo che per le vostre segnalazioni il numero di DilloATelerama è il 366.6250010.

Mariafrancesca Errico

Articoli correlati

“Nessun Segnale”, d’estate un’impresa vedere i canali televisivi

Paolo Franza

Stazione ferroviaria off-limits, donna disabile portata a spalla

Antonio Greco

Settelacquare e San Pio: degrado e siringhe abbandonate, i cittadini scrivono a Dilloatelerama

Isabel Tramacere

Villa comunale tra degrado e abbandono. E la sicurezza è un optional

Antonio Greco

Villa comunale, lo scempio dei bagni pubblici

Antonio Greco

Alberi pericolanti, i residenti di via Manzù lanciano un Sos

Antonio Greco