Il giallo del cadavere in casa a Corigliano, confermato il movente: i soldi

CORIGLIANO D’OTRANTO – Col passare delle ore si delineano i contorni della vicenda che ha scosso la comunità di Corigliano d’Otranto: il macabro ritrovamento del cadavere di un 84enne, Antonio Caracciolo, rinvenuto in casa sua questo mercoledì mattina e il cui decesso risale a circa un anno fa.

L’unico indagato a piede libero, al momento per occultamento di cadavere, è il figlio Roberto Caracciolo di 55 anni. Avrebbe nascosto il corpo dell’anziano genitore, spirato per cause naturali, per percepirne la pensione.

Gli accertamenti condotti dai Carabinieri nelle scorse ore lo hanno confermato: è stato lui, figlio unico dell’84enne, a intascare le mensilità che il padre -ormai spirato -non era in grado di prelevare. Ecco perchè la seconda ipotesi di reato a suo carico è di truffa ai danni dello Stato.

Subito dopo il ritrovamento del corpo, al quale lui stesso ha assistito, il 55enne – assistito dall’avvocato Fabrizio Ruggeri – non ha più proferito parola, neanche con il suo legale difensore. Si è detto, fino alla fine, convinto di aver sentito il padre al telefono il giorno prima, certo che stesse in Svizzera, lì dove per anni da giovane aveva lavorato. Poi, da quando la porta di casa del genitore in via San Leoardo è stata spalancata agli inquirenti, da Roberto Caracciolo più nessuna parola. Di più. Dalle 19 dello stesso mercoledì pomeriggio il 55enne si era reso irreperibile e fino a questo giovedì a mezzogiorno si è temuto il peggio, salvo poi essere ritracciato sano e salvo.

Rilievi e indagini sono stati affidati ai Carabinieri della Compagnia di Maglie e i militari del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo di Lecce. Il corpo, ormai in fase di scheletrizzazione, è stato trasportato nella camera mortuaria dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce, a disposizione dell’autorità giudiziaria, in attesa di ulteriori accertamenti. Da una prima ispezione esterna, intanto, non sono emersi segni di violenza, tali da ipotizzare una morte cruenta.

E.FIO

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*