Green pass e intoppi dopo la guarigione dal covid: la denuncia

minerva

LECCE – Guarisce dal Covid a novembre, dona il plasma risultando idoneo, a giugno riceve la prima e unica dose di vaccino (da ex contagiato appunto). Ma adesso si ritrova un green pass parziale che non serve a nulla. E il tutto per un intoppo burocratico.

Questa è la storia di Vincenzo, 48 anni di Galatina. E per comprendere dove sia l’intoppo bisogna ripercorrere le tappe di questa storia.

A novembre il figlio di Vincenzo, 16 anni, ha la febbre. Il giorno dopo anche Vincenzo e la moglie accusano i primi sintomi. Dopo una settimana la famiglia viene sottoposta a tamponi a domicilio. Moglie e figlio sono positivi. Il tampone di Vincenzo risulta invece dubbio, ma lui continua ad avere le febbre alta e mal di testa costante. Dopo un’altra settimana il suo tampone sarà l’unico a risultare negativo. Moglie e figlio ancora positivi.

A inizi gennaio Vincenzo dona il plasma iperimmune al Fazzi: gli accertamenti condotti in ospedale confermano la sua idoneità a donare.

A fine maggio arriva poi il suo turno nella campagna vaccinale: il primo giugno raggiunge l’hub del suo paese, Galatina, e gli viene spiegato che nel suo caso è sufficiente una sola dose. Per essere ancora più sicuro Vincenzo verifica, tramite apposite analisi, il quantitativo di anticorpi: il risultato è alto e il confronto con il proprio medico conferma quanto gli era stato spiegato. Una sola dose di vaccino è sufficiente.

Peccato però che all’arrivo del green pass sorge un problema: la certificazione risulta incompleta. E questo perchè il suo tampone, a novembre, non risultò mai ufficialmente positivo ma dubbio. E quindi ufficialmente Vincenzo non è mai risultato positivo, nonostante il focolaio familiare, i sintomi importanti e poi la donazione di plasma iperimmune da soggetto guarito.

Un intoppo burocratico si diceva, al quale da tempo cerca di porre rimedio. E questo perchè il green pass parziale di cui dispone, suo malgrado, non ha alcuna valenza. E di fatto non può usufruire della mensa aziendale, tra le altre cose, e a breve -stando alle intenzioni del Governo- rischia anche di non poter andare a lavoro, sprovvisto com’è del certificato verde completo.

Buon giorno sono Vincenzo 48 anni chiamo da Galatina a novembre 2020 ho fatto il covid. Figlio (16anni), moglie e lui. Si salva solo figlia. Figlio quasi asintomatico, anche moglie. Lui febbre alta, mal di testa fortissimo.

Il figlio ha la febbre, campanello d’allarme. Vincenzo malessere dal giorno dopo.

Moglie e figlio subito tampone e risultano positivo. Lei, dopo una settimana, DUBBIO.

A questo punto dopo altri 8 gg, moglie e figlio ancora positivi. Io negativo.

LAVORA IN FIAT.

Dono il plasma iperimmune a inizi gennaio perchè risultato idoneo con anticorpi alti.

A giugno la sua fascia d’età è convocata per vaccini, a lui tocca l’1.

La dottoressa dell’hub di via don bosco gli dice 1 sola dose. Fatta la dose fa a farsi il controllo su anticorpi spike e gliene escono 24mila, altissimi.

I problema arriva adesso, gli arriva il green pass provvisorio. Uno di due. Non glielo accettano perchè incompleto.

Siccome per la legge lui non ha mai avuto un tampone positivo, ma dubbio, risulta che lui debba fare due dosi. Però ha donato plasma ed è risultato idoneo.

Ha chiamato numero verde ministeriale 1500, si è rivolto alla asl (distretto sanitario galatina) ed è tornato nell’hub.

Lei non può partecipare ad eventi al chiuso, non può andare a mensa, non può andare allo stadio, in palestra. Finchè non sarà obbligatorio anche in azienda.

Primo tampone dopo 8 giorni dalla Asl   dubbio secondo dopo 8 giorni negativo

Dono al Vito Fazzi il plasma iperimmune  e risulto idoneo perché anticorpi alti.
Faccio il vaccino 1 giugno 2021 la Dottoressa mi dice che devo fare solo una dose perché ex malato  e non mi prenota la seconda.
Mi arriva il green pass ed 1 di 2 incompleto .
Sono andato al Distretto Sanitario  ho telefonato al 1500 niente non si riesce a venire a capo al problema. Come me tanto altre persone hanno problemi burocratici con il greenpass! Vi lascio il mio cell ad potete aiutarmi 3289560317.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*