Violenza e stalking: un arresto e un divieto di avvicinamento alla vittima

CEGLIE MESSAPICA – Maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e atti persecutori nei confronti della madre e dello zio materno. È scattato l’arresto, dopo un anno di denunce delle vittime, nei confronti di un 29enne di Ceglie Messapica. I Carabinieri della locale Stazione hanno eseguito l’ordinanza di applicazione della custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Brindisi. Le denunce accumulate erano diverse, per questo il giovane è stato accompagnato nel carcere di Brindisi.

Sempre da Ceglie arriva un’altra storia di violenza, stavolta da parte di un ragazzo di 22 anni nei confronti della sua ex compagna ventenne.

I carabiniei hanno eseguito un’ordinanza applicativa di misura coercitiva personale di divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa, emessa dal GIP del Tribunale di Brindisi, nei confronti del giovane, per maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori, commessi a Ceglie Messapica e Diano D’Alba, in provincia di Cuneo. Le violenze sarebbero andate avanti ininterrottamente dal 2019.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*