Martano, poliambulatorio non ultimato: arrestati due funzionari Asl

MARTANO- Scattano due arresti per la vicenda dei lavori di ristrutturazione del poliambulatorio di Martano, finanziati con i fondi della Comunità Europea, per un importo complessivo di oltre 4 milioni di euro, nell’ambito del progetto por Fesr Puglia 2007-2013. L’ordinanza cautelare è stata firmata dal gip Simona Panzera, e richiesta dal sostituto procuratore Alessandro Prontera, nell’ambito dell’inchiesta “Unfinished Work”. I militari della Guardia di Finanza hanno arrestato ai domiciliari : Fiorenzo Pisanello, 67 anni di Lecce, in qualità di responsabile dell’Area Tecnica della Asl e responsabile unico del procedimento, ora in pensione e Antonio Leo, 60enne di Soleto, quale componente dell’Area Tecnica Asl e direttore dei lavori, all’epoca dei fatti. Un 67 enne di Adelfia è stato raggiunto dalla misura interdittiva del divieto di esercizio dell’attività imprenditoriale. Risultano indagati a piede libero: un 50enne di Modugno; un 40enne di Gioia del Colle, un 60enne di Taranto, un 64enne di Sternatia.

Gli indagati rispondono a vario titolo ed in diversa misura di abuso di ufficio, peculato, falso e frode nelle forniture pubbliche.

Avrebbero, secondo gli inquirenti, attestato falsamente che i lavori del poliambulatorio erano stati perfettamente ultimati in data 2015, mentre, dopo diversi sopralluoghi dei vigili del fuoco, si accertavano la mancanza di una serie di porte antincendio Rei 120, procurando un ingiusto vantaggio patrimoniale ad alcune aziende, e certificando lavori risultati pagati ma di fatto non realizzati. Tanto è emerso dalle ispezioni della finanza che accertarono lavori mai ultimati e allo stato grezzo soprattutto nel piano seminterrato : opere incomplete, impianti elettrici non ultimati e infiltrazioni d’acqua. Altre stanze senza intonaco o pavimentazione. Le indagini sono partite nel 2017 dopo la contestazione di un danno erariale di 3 milioni e 250mila euro relativo alla mancata apertura del poliambulatorio, nei tempi stabiliti dal contratto.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*