Serie B, la volatA: ultime cinque giornate al cardiopalma

Ottica Salomi

LECCE – Si infiamma il rush finale della stagione in Serie B. Mai come quest’anno ogni esito è incerto e l’ultima giornata disputata ha confermato il trend dell’incertezza. A fare eccezione è solo la capolista Empoli che, nonostante lo stop legato al covid delle ultime settimane, è tornata a vincere e guarda alle ultime gare della regular season con ottimismo.

Con due gare ancora da recuperare e con un vantaggio potenziale di 11 punti sul terzo posto, i toscani hanno il salto di categoria in pugno. Il calendario propone tutte gare alla portata di La Mantia e compagni che affronteranno il Lecce solo all’ultima giornata, quando cioè la promozione dovrebbe essere cosa acquisita.

Ma per il secondo posto, l’ultimo utile per evitare i playoff, l’esito finale è apertissimo. Il calendario giocherà con i destini di tutte le squadre in lotta, proponendo giornata dopo giornata una serie di scontri diretti al cardiopalma.

A partire proprio dal Lecce. I giallorossi, con lo stop dell’ultimo turno contro la Spal, hanno visto ridursi il vantaggio sulla Salernitana ad un solo punto (ma con il vantaggio nello scontro diretto). Già con la prossima giornata potrebbe cambiare nuovamente tutto con i salentini impegnati sul campo del Vicenza (squadra che staziona a metà classifica, ma reduce da due KO consecutivi), perché poi il calendario sarà tremendo: Cittadella e Monza saranno forse le sfide determinanti, con il Lecce che chiuderà la regular season in casa contro la Reggina – formazione in netta crescita in questo finale di stagione – e infine sul campo dell’Empoli. E chissà se per quella data i giochi saranno davvero chiusi.

Non può fallire un colpo la Salernitana. I campani, terzi in classifica, hanno un calendario finale altalenante. L’impressione è che anche per i granata le prossime due sfide indirizzeranno la stagione. Due gare consecutive in casa, ma contro Venezia e Monza, le dirette inseguitrici: fare bottino pieno autorizzerebbe mister Castori a sognare in grande. Poi Pordenone, Empoli e l’ultima trasferta a Pescara, contro una formazione verosimilmente già in Serie C.

Il quadro delle ultime giornate di campionato

Ma occhio al Venezia. I lagunari, zitti zitti, nell’ultimo turno, hanno scavalcato il Monza al quarto posto, lanciandosi nella corsa al second o posto. 53 i punti attuali degli arancioneroverdi, che senza proclami stanno disputando una stagione da incorniciare. Sabato lo scontro diretto a Salerno, poi l’altra sfida-chiave contro il Chievo. Nelle ultime tre giornate Zanetti sfiderà Pisa, Pordenone e Cittadella: il calendario può aiutare.

Il Monza, scivolato al quinto posto, è probabilmente la grande incognita. Sulla carta una rosa stellare, nei fatti troppe le difficoltà con soli 2 punti conquistati nelle ultime quattro uscite. Christian Brocchi gode della fiducia del duo Berlusconi-Galliani, ma la tifoseria esige un cambio di passo. Già a partire dal prossimo derby contro la Cremonese, cui seguiranno i due scontri direttissimi che segneranno il finale di stagione: in trasferta contro la Salernitane e la gara casalinga contro il Lecce. Due gare dal coefficiente di difficoltà massimo. I brianzoli chiuderanno il torneo contro Cosenza e Brescia: sfide certamente alla portata.

E infine la Spal. I ferraresi, con l’ottimo successo del “Via del Mare”, hanno rilanciato le loro fiches e con 50 punti puntano alla rapida scalata. Con l’arrivo di Rastelli gli spallini hanno cambiato passo e anche il calendario può dare una grossa mano per fare incetta di punti. Ascoli, Brescia, Frosinone, Reggiana e Cremonese sono avversarie più abbordabili per i biancoazzurri che possono così irrompere nella lotta alla Serie A diretta.

G. Serafino

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*