Covid, il vaccino è nel Salento: si iniettano le prime 80 dosi

LECCE – Ha esclamato “Evviva” la dottoressa Lidia Dalfino, la prima vaccinata in Puglia, dove il V-Day è iniziato alle 9,27 del mattino, nel Policlinico di Bari. La dirigente medico della Rianimazione covid è stata la prima a ricevere il vaccino prodotto dalla Pfizer.

Esattamente un’ora dopo, in perfetto orario sulla tabella di marcia, sono arrivate a Lecce le 80 dosi previste. Hanno varcato le porte dell’ex Vito Fazzi, la cittadella della salute in Piazzetta Bottazzi, dove il primo a ricevere il vaccino è stato il direttore generale della Asl, Rodolfo Rollo; a seguire, il Presidente dell’Ordine dei Medici, De Giorgi, e un medico delle Usca. E ancora, è stata vaccinata una rappresentanza del personale addetto alla vaccinazione, degli operatori addetti all’esecuzione dei tamponi e dei medici di medicina generale, pediatri di libera scelta e Usca.

“È solo l’inizio, però è un inizio importante – ha commentato l’assessore regionale alla Salute, Pier Luigi Lopalco – È una giornata simbolica perché la lotta a questo virus è partita contemporaneamente in tutta Europa, in tutta Italia e in tutte le province pugliesi. Oggi è anche per noi una giornata di test per verificare il funzionamento della macchina organizzativa della campagna vaccinale. La prima fase vera e propria inizierà nei prossimi giorni, man mano che arriveranno i quantitativi di vaccino necessari per vaccinare le prime 95mila persone in Puglia, operatori sanitari ed ospiti delle Rsa. Fino ad ora abbiamo una adesione molto buona, con 50mila persone già registrate sul nostro sito ma ricordiamo agli aventi diritto che fino alla fine dell’anno continueremo a prendere adesioni”. lo comprendano tutti e che si aderisca in massa a questa campagna vaccinale”.

Da Lecce sono poi partite 3 squadre di operatori sanitari vaccinatori, diretti nelle seguenti sedi:

Squadra n° 1:
Presidio Ospedaliero “Dea-Vito Fazzi” ed RSA “Crispino-Marangi”

Squadra n° 2:
ospedale “Santa Caterina Novella” di Galatina

Squadra n° 3:
Ospedale “Cardinale Panico” di Tricase ed RSA “Euritalia” di Montesardo.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*