“Il diritto di morte o la morte del diritto”, l’analisi da più fronti

MATINO- Fa discutere la recente sentenza della Corte costituzionale sul “fine vita”, con la quale la Consulta ha stabilito che chi agevoli l’esecuzione del proposito di suicidio, autonomamente e liberamente formatosi, di un paziente tenuto in vita da trattamenti di sostegno vitale non è punibile, a determinate condizioni, ai sensi dell’articolo 580 del Codice penale (Istigazione o aiuto al suicidio). Si esclude, dunque, “la responsabilità penale per chi, a determinate condizioni, agevoli l’esecuzione del proposito di suicidio di un paziente tenuto in vita da trattamenti di sostegno vitale”. Il delicato tema è stato affrontato in un incontro organizzato nel Palazzo Marchedsale di Matino dalle associazioni Pro loco “S. Ermete”, Autori matinesi, Matinum e dalle locali sezioni Ansi, bersaglieri e carabinieri. Sono stati invitati illustri relatori, per analizzare la questione da vari fronti, come ha spiegato la consigliera comunale Pamela Lecci.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*