Rapine a Valentino Caffè e Mondo Convenienza, scacco ai banditi

LECCE-Modalità d’azione simili, poi la svolta con la rapina nello stabilimento Valentino Caffè nella zona industriale di Lecce. Sono 4 i i colpi che la polizia contesta a Angelo CAMPANILE 45 anni, nato a Milano rapinatore di professione , uscito dal carcere da poco e Salvatore VECCHIO, 41 anni di Cavallino. C’è un’altra persona fortemente indiziata di far parte della banda, ma la sua posizione è ancora al vaglio.

Ecco le immagini di alcune delle rapine: a mondo convenienza, nel centro commerciale di cavallino il 25 gennaio scorso. Uno dei due rapinatori entra alle 4 del pomeriggio con un revolver. Almeno un complice lo attende in auto su una Peugeot 307 rubata il giorno stesso. Ed eccoli poi in due  nell’ Md di via Ada Cudazzo a Lecce : sono le 20 del 17gennaio scorso. Anche qui, stessa pistola, stessa auto.

Ma non basta: i due avrebbero, secondo gli agenti della Squadra mobile, coordinati dal dottor alberto somma, rapinato la torrefazione denominata “Valentino Caffè, l’8 febbraio. Avevano fucile e pistola e poi il 23 febbraio l’agenzia assicurativa “SARA ASSICURAZIONI” di via Orsini del Balzo, sempre a Lecce.

I due sono stati sottoposti a fermo d’urgenza motivato dal fatto che possono reiterare il reato o fuggire. L’accusa è di rapina aggravata, porto abusivo di arma e furto aggravato in concorso tra loro.Un’indagine lampo, durata un mese. I rapinatori hanno commesso un errore: la sera della rapina alla valentino caffè per poter fuggire velocemente e senza niente addosso, in caso di controlli, hanno nascosto nello stesso giardino dell’azienda la pistola usata e parte del bottino, circa 16 mila euro. Gli agenti erano convinti che prima o poi sarebbero tornati a riprenderli, e così è stato. La pistola, una Smith & Wesson, è la stessa che compare nelle immagini delle rapine. È stata recuperata anche la Pegeaut rubata, nascosta in un garage nel quartiere aria sana. Pericolosi i due rapinatori, e pronti a tutto. Professionisti che negli ultimi mesi hanno seminato il terrore tra i cittadini.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*