275, nuova proposta dei sindaci: “4 corsie fino alle soglie di Montesano, risparmio per secondo lotto”

LECCE – Arretrare con le 4 corsie alle soglie di Montesano, nel territorio di Surano, e procedere da lì a San Dana con due corsie, per risparmiare soldi per il secondo lotto, a cui altrimenti resterebbero gli spiccioli (44 milioni su 288), e per risparmiare anche suolo. La proposta sulla nuova 275 lanciata dal sindaco di Tiggiano Ippazio Morciano inizia a incontrare consensi e si punta a farla discutere ufficialmente nel prossimo incontro in Regione, dopo quello di mercoledì, o anche prima, a livello provinciale.

“Proprio perché mancano risorse, io invito a ragionare tutti insieme – dice Morciano -. Purché la strada arrivi in modo compatibile fino a Castrignano del Capo, ed è questa la premessa, propongo di far iniziare le due corsie all’altezza del Mercatone Uno. Ci sono ancora margini di manovra, ora, visto che Anas deve ancora redigere il progetto esecutivo”.

L’arrivo fin lì è spiegabile guardando al definitivo veicolato da Anas per il primo lotto: questo, infatti, è diviso in tre parti e il terzo segmento è proprio quello che dalle soglie di Montesano arriva alla rotatoria nei pressi dell’ex calzaturificio Adelchi, a Tricase. 5,3 chilometri di tracciato completamente in nuova sezione e che Anas propone a 4 corsie dalla larghezza di 22 metri, oltre a svincoli e complanari, attraversando i territori di Castiglione d’Otranto, Montesano e Tricase.

“Ridurre solo quel terzo segmento a due corsie – spiega Morciano – è utile ambientalmente e fa risparmiare soldi necessari per il secondo tratto”. Su questo, sei sindaci su sette, tutti tranne quello di Tricase, ritengono che sia necessario proseguire sulla base del tracciato del 2011 e non sulla Cosimina, che sbucherebbe a Tiggiano con necessità, probabilmente, di una galleria interrata. A dire sì alla proposta di Morciano è il sindaco di Andrano, Mario Accoto, per cui “si è pronti ad una valutazione nuova, nell’ottica complessiva di raggiungere l’utile per tutti”. Idem Francesca Torsello, di Alessano: “Sono d’accordo – dice – anche perché meno consumo di territorio c’è e meglio è”.

Santo Papa, di Castrignano del Capo, frena e pone dei dubbi sulla tempistica: “riaprire il ragionamento sul primo lotto agevola o aggiunge problemi? – si chiede -. Attendiamo le proposte di Anas sui due tracciati e le risorse da impiegare e poi si vedrà”.

Per i consiglieri regionali che hanno seguito finora le commissioni sulla 275, nulla quaestio: “se questa è una proposta che viene dai sindaci non posso che essere favorevole, meno consumo di suolo c’è e meglio è”, dice Sergio Blasi (Pd). Per Cristian Casili (M5s), le 4 corsie devono effettivamente fermarsi prima del centro abitato di Montesano. Per Ernesto Abaterusso (Mdp), “sono i sindaci a dover concordare la soluzione migliore. Alla luce di questa, se mancheranno soldi Anas li dovrà trovare”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*