Punto nascita di Casarano, the end: sabato chiusura definitiva, personale trasferito

CASARANO- La completa disattivazione del punto nascita di Casarano avverrà entro le 8 di sabato prossimo: a comunicarlo è la Asl di Lecce, dopo l’ordinanza del Tar di Bari pubblicata ieri. “Il personale interessato sarà trasferito in altre strutture e, quindi, saranno completamente dismessi i reparti di Ostetricia e Ginecologia e Pediatria, per cui non sarà più possibile accettare ricoveri di qualsiasi tipo, né ordinari né urgenti”, dicono da via Miglietta.

Il provvedimento è stato notificato alle strutture aziendali e unità operative degli ospedali di Casarano e Gallipoli e alla centrale 118, in modo da dare piena attuazione a quanto disposto, nonché alla giunta regionale, al prefetto e al questore di Lecce, ai sindaci dei comuni di Casarano e Gallipoli.

Dopo il parto improvvisato di una donna qualche giorno fa, la Asl “ritiene particolarmente importante informare la popolazione sui cambiamenti in atto e sensibilizzarla ad un uso corretto e consapevole dei servizi sanitari, in modo da poterli fruire nella massima sicurezza, evitando disagi o disguidi di qualsiasi natura, sia in questa fase di transizione sia successivamente”.

Intanto, la Cgil scrive al Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e alla direzione della Asl per denunciare “sempre più frequenti casi di rischio clinico per i pazienti che si rivolgono agli ospedali salentini a causa della riduzione dei posti letto e dei tagli del personale medico e infermieristico”.

“Nel 2016 – precisa il sindacato – il Presidente Emiliano ha sottoscritto un accordo in cui veniva concordata la costituzione di tavoli permanenti di confronto a tutti i livelli (Regionali e Aziende Sanitarie Locali), che dovevano affrontare e concordare modalità e tempi di attuazione del Piano di Riordino. Pertanto, chiediamo di conoscere le reali intenzioni in merito”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*