Addio alle sei Asl, la Regione studia l’accorpamento. Nel Salento ne resterà solo una

BARI – Il turn over dei direttori generali è quasi pronto, ma è solo passaggio temporaneo perché la vera rivoluzione che il governatore Michele Emiliano starebbe studiando per le Asl pugliesi, è ben altra: entro un paio di anni le aziende ospedaliere saranno dimezzate. Dalle attuali sei, si passerà a tre. Una per il Salento, una per Bari e Bat e l’altra per Foggia.

L’accorpamento, però, come detto, richiederà un certo tempo che non potrà essere inferiore ad un anno e mezzo, due, troppo per lasciare tutto così com’è. Ecco perché il governatore ha previsto uno step intermedio, sparigliando le carte ai vertici delle Asl. I direttori generali uscenti saranno tutti, o quasi, riconfermati. Ci sarà un solo nuovo ingresso: il pediatrico di Bari, Giovanni XXIII, infatti, è divenuto azienda ospedaliera e, in quanto tale, richiede una guida specifica, aggiuntiva. Chi andrà dove, non è ancora chiaro. A rallentare i tempi è la questione Lecce: Silvana Melli, attuale manager della Asl salentina, ha il contratto in scadenza nel 2019. Nel frattempo potrebbe o turnare in un’altra Asl, come inizialmente previsto, o ricoprire un ruolo diverso in assessorato o nell’agenzia regionale per la Sanità, l’Ares. E’ da decidere, la quadra non è stata ancora trovata.

Quanto agli altri manager, rassegneranno le dimissioni nei prossimi giorni, un passaggio formale ma dovuto per dare un via libera più morbido, al valzer delle poltrone.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*