Il Salento non solo per l’estate, anche per tutta la vita: in pole position nelle classifiche nazionali

SALENTO – Tra le centinaia di destinazioni nazionali e internazionali prese in esame, ai primi posti della Top 10 ci sono Gallipoli (con l’8,62% delle preferenze) e Lecce (con il 6,06%).

Il 67% degli italiani, di età compresa tra i 18 e i 44 anni, sceglie la vacanza ‘made in Sud’ . È il dato che emerge dalla statistica della prima agenzia di viaggi online, Wanderio, che ha monitorato le scelte di oltre 5 milioni di utenti.

Puglia e Salento detengono un primato indiscusso con il 15,83% delle preferenze, seguono Emilia Romagna (12,07%), Campania (11,50%), Sicilia (10,96%) e Calabria (8,76%).

Calcolatrice alla mano sono in 430mila gli italiani a scegliere il Salento per trascorrere le vacanze in riva al mare e tra le bellezze architettoniche del territorio. I vacanzieri qui si concedono in media non meno di 4 giorni.

Secondo l’agenzia non è più solo l’aspetto economico a guidare la scelta, ma anche quello logistico: il percorso più comodo e i servizi offerti. Il litorale ionico è quello più ambito e richiesto.

A dare man forte, una recente analisi di CaseVacanza.it. Tra le 20 destinazioni italiane in cui l’affitto di una casa vacanza è costato meno, dopo Mazara del Vallo, in provincia di Trapani, si classifica seconda Pulsano (a Taranto), dove gli affitti sono costati in media 340 euro a settimana.

Ma c’è di più: si guarda al Salento non solo per trasorrere le ferie estive, anche per acquistare una seconda casa. Lo dicono i dati diffusi nelle scorse ore dal portale Gate-away.com – specializzato dal 2007 negli annunci verso l’estero. Il tacco dello stivale guadagna il quarto posto dopo Toscana, Lombaria e Liguria.

Dall’analisi del campione di oltre 30mila immobili in vendita in tutta Italia emerge che i più interessati si confermano i tedeschi, seguono gli statunitensi, gli inglesi e i francesi.

Primati questi più che incoraggianti per un Salento scelto non solo per la bella staglione, anche per tutta la vita.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*