CronacaEventi

Giornaliste del Mediterraneo, la voce delle donne in trincea

LECCE- La guerra combattuta con le armi e quella delle parole, il fronte dei bombardamenti e quello delle emergenze umanitarie, il racconto del potere e quello del popolo oppresso. Il Forum delle Giornaliste del Mediterraneo porta a Lecce la voce delle donne nei luoghi caldi dei conflitti sociali, politici, religiosi e ambientali. Un confronto voluto da “Giulia giornaliste”: per tutta la giornata, nella sede del rettorato, il dialogo e la conoscenza di approcci e realtà altre, come quella di chi ha scelto di non stare in silenzio in Turchia, prima e dopo il tentato golpe di luglio, arrestata e condannata a due anni di reclusione per aver pubblicato, nel gennaio 2015, vignette di Charlie Hebdo sul giornale di opposizione Cumhuriyet.

Diversi i temi affrontati, dal racconto in radio dell’orrore della guerra al mestiere dell’inviata tra nuovi media e strumenti tradizionali, dal ricercare le fonti direttamente sul fronte e la differenza, dunque, con il giornalismo embedded fino al focus sulla Siria, sulla strage silenziosa dei civili. Il ruolo di giornalismo di frontiera come strumento, anche, di una nuova coscienza mediterranea. La scelta del racconto senza semplificazioni. Perché la “semplificazione è quasi sempre nemica della verità dei fatti”.

Articoli correlati

Pietro e Paolo, i santi “influencer” che uniscono la comunità galatinese

Redazione

Dal 15 al 25 luglio torna il festival “Teatro dei luoghi” con 18 diversi spettacoli

Barbara Magnani

Cutrofiano, restano gravi le condizioni della coppia vittima di un incidente stradale

Mario Vecchio

Scontro tra due auto: quattro feriti, grave una coppia

Mario Vecchio

Sassi contro l’autovelox sulla Lecce-Gallipoli, subito ripristinato

Redazione

Veglie, tre giorni di festa per S. Giovanni Battista

Redazione