Finocchiaro: Opere come gasdotti più semplici con il Sì. Pagliaro: A maggior ragione votiamo No

LECCE- All’incontro per il sì organizzato dal Pd era presente l’addetto stampa di Tap e si scatena la polemica per la frase sul gasdotto pronunciata dalla senatrice Anna Finocchiaro: “Perchè passare dalle regioni per un gasdotto'”.“vi pare che per costruirne uno sia necessario passare anche da un ordinamento regionale?”, dice. “E’ possibile che uno che vuole costruire un gasdotto possa essere soggetto a tante leggi, all’ordinameto regionale e tanti passaggi burocratici?”
“Con queste parole, la senatrice Finocchiaro ha realizzato un ulteriore e clamoroso autogol contro la becera riforma del suo premier Renzi”. Così Paolo Pagliaro, dell’ufficio di presidenza nazionale di Forza Italia che aggiunge “Cara senatrice, vi piacerebbe svendere i territori agli amici delle multinazionali, calpestando liberamente le scelte delle comunità? Ebbene, questa è una ragione in più, oltre alle mille altre, per votare NO al referendum che brucia la nostra Costituzione. Perché se Renzi non avesse già depotenziato le Regioni con la clausola di supremazia, la Puglia e il Salento avrebbero rigettato l’opzione di svendere il mare con le trivelle e il paesaggio con il gasdotto. Grazie alla Finocchiaro per averci dato un motivo in più per votare convintamente NO“.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*