“Il vino oltre ogni barriera”: al via i corsi da sommelier per i detenuti leccesi

LECCE-La casa circondariale di Lecce, a partire da mercoledì, si prepara ad accogliere il primo corso di avvicinamento alla degustazione del vino, rivolto ai detenuti.

L’iniziativa è stata resa possibile grazie alla collaborazione della delegazione leccese dell’Associazione italiana sommelier che metterà a disposizione i propri docenti per le lezioni frontali. Ma non finisce qui: qualcuno che al mattino indossa la divisa di servizio vestità i panni dell’esperto degustatore: si tratta infatti di alcuni dei poliziotti della questura di Lecce che coltivano da anni quest’hobby e che con quest’iniziativa saliranno in cattedra per la prima volta nelle vesti di prof.

Polizia di Stato e Penitenziaria hanno accolto il progetto con grande entusiasmo, una scommessa che parte dall’ idea proprio di una cantina salentina.

Tutti dietro i banchi, dunque, pronti ad apprendere la teoria per poi passare alla pratica: saranno infatti affrontati argomenti come la coltivazione della vite, le tecniche di vinificazione, la storia e le caratteristiche dei vitigni pugliesi oltre alle modalità per servire e conservare un vino. Le lezioni si concluderanno il prossimo dicembre con un evento in cui verranno rilasciati gli attestati di partecipazione.

Obiettivo, ancora una volta, il reinserimento sociale: questa volta, più che mai, salentino doc.

E.Fio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*