Il Lecce a Ischia. Braglia: “Nelle prossime due partite dimostriamo di essere maturi. Se perdiamo a Ischia siamo dei c…”

LECCE (di Tonio de Giorgi)- Allenamento di rifinitura e partenza per Ischia per il Lecce impegnato domani (ore 14) sull’isola. “Contro il Foggia abbiamo fatto un’ottima gara – afferma Braglia, tecnico del Lecce -, ma dobbiamo guardare oltre. Se a Ischia perdiamo siamo dei cog…, a partire da me per finire all’ultimo della rosa. Nel calcio non conta quello che hai fatto, ma quello che farai”Il tecnico giallorosso descrive l’avversario di domani: “Ha buoni elementi per la categoria – dichiara -, a Ischia hanno pareggiato Benevento e Foggia, probabilmente hanno fatto l’errore che non dovremo fare noi. Giocheremo su un campo piccolo, non è un buon campo. Sugli spalti troveremo poca gente e questo non deve condizionarci perchè in questo campionato si paga tutto, anche la cornice. Dobbiamo essere preparati a passare da una dimensione all’altra, dallo stadio pieno di sabato scorso a quello di domani. Non possiamo sbagliare le prossime due partite”. A Ischia Braglia dovrà rinunciare allo squalificato Perucchini. Al suo posto dovrebbe giocare Bleve. “Potrebbe giocare lui – continua -, per il resto potrei confermare la formazione di sabato scorso, siamo talmente bene attrezzati che posso pensare di cambiare qualcosa”. Il tecnico giallorosso tiene in considerazione anche Curiale e Sowe, i quali, sabato scorso, hanno messo i sigilli sulla partita contro il Foggia.  

“Non discuto la qualità della rosa – aggiunge –, ma il modo di prepararsi alla partita. Curiale ci ha permesso di vincere la partita contro il Benevento, non lo nego, ci ha dato una grossa mano per vincere contro il Foggia. Voglio che entri sempre così e capisca che certe abitudini si possono anche cambiare, per il bene della squadra e per ciò che vuole l’allenatore. Anche da Surraco pretendo di più. Sabato non ha giocato bene ed era a rischio espulsione. L’ho tolto perché si stava facendo buttare fuori, ma lui deve capire che in questo momento – conclude – deve dare il massimo”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*