Frantoi al setaccio, scarichi irregolari e rifiuti accumulati: multe, sequestri e 7 denunce

doc cantina salice

LECCE- Dopo gli stabilimenti vinicoli, sotto la lente dei carabinieri del Noe di Lecce sono finiti i frantoi di tutte e tre le province del Salento. Trenta le aziende passate al setaccio, la gran parte, 24, in regola. Negli altri casi, però, sono stati documentati scarichi irregolari e gestione di rifiuti fuori legge. 7 le persone denunciate alle Procure di Lecce e Brindisi.
Le ispezioni sono state condotte dai militari del nucleo tutela ambiente, al comando del tenente colonnello Nicola Candido, nell’ambito di un attivita’ di monitoraggio disposta dal comando di Roma. Nel Leccese, tre le aziende non a norma. A Scorrano, è finita sotto chiave un’ area di circa 500 metri quadrati sulla quale era stati stoccati ferro, plastiche, rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche, legno e onduline in eternit, provenienti da attivita’ di manutenzione delle attrezzature meccaniche e del fabbricato. Copione simile a San Cassiano, dove sotto sequestro sono finiti 2000 metri quadri su cui era stato realizzato un deposito incontrollato di rifiuti speciali costituiti dalle sanse semiliquide frammiste al pietrisco ed ai fanghi provenienti dalla decantazione delle acque di vegetazione e terreno, ciò che provocava anche emissioni maleodoranti. A Copertino, invece, quei reflui erano stati utilizzati in agricoltura, senza, però, la necessaria comunicazione al sindaco, motivo per cui il legale rappresentante di un frantoio oleario è stato sanzionato amministrativamente.

Nel Brindisino, a Francavilla Fontana e Torre Santa Susanna i legali rappresentanti di due distinti frantoi sono stati multati per aver effettuato lo scarico delle acque meteoriche di dilavamento dei piazzali in assenza della necessaria autorizzazione. A Cellino San Marco, sigilli sono stati apposti ad un appezzamento di terreno di mezzo ettaro sul quale erano state stoccate le sanse umide provenienti dall’attivita’ di molitura delle olive, provocando anche emissioni maleodoranti.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*