Melica: “Se il Comune va in dissesto è per colpa della cattiva gestione della vicenda Leadri

LECCE- “Come può il Comune avere sottovalutato l’atteggiamento di un’azienda, la Leadri che reclama il legittimo pagamento addirittura dal 2008?”. Inizia con questa domanda la nota del capogruppo Udc del Comune di Lecce, che ricorda il debito di decine di milioni di euro e il pericolo incombente di un dissesto generato da una cattiva gestione della vicenda. “Il comune ha impugnato in tutte le sedi – ricorda Melica – addirittura costringendo l’azienda a chiedere, dopo il giudizio di ottemperanza, la nomina di un Commissario ad acta per essere, finalmente pagata. Dico questo perché vorrei sottolineare che, il 30 maggio 2014, quando l’azienda ha chiesto alla Regione che nel frattempo era intervenuta in soccorso del Comune, il pagamento degli oltre 14 milioni di cui al rendiconto dei lavori effettuati e di farlo entro 30 giorni, perché il Comune ha fatto decorrere infruttuosamente tali giorni senza nemmeno premunirsi di avvisare l’azienda? Perché, costringeva l’azienda, il 12 settembre 2014, a rinnovare il precetto di pagamento, a quel punto di oltre 17 milioni, rischiando il dissesto del Comune? Come si può non immaginare che il legale dell’azienda non fosse esasperato da anni di dilazioni al punto da utilizzare l’arma dell’esecutività dei lodi arbitrali non più nell’ammontare dell’accordo, ma nella loro interezza?”

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*