Lecce: passione inarrestabile

Lo striscione a Santa Cristina
Ottica Salomi

LECCE (di M.C.) – La passione giallorossa, in questo nuovo inizio, è inarrestabile, non c’è nulla che possa arginarla, straripa ovunque, dal Salento alla Val Gardena dove ad attendere i giallorossi c’era uno striscione di benvenuto.
La vendita degli abbonamenti vola in direzione record e di questo passo, superati i 10mila, poi gli 11mila, i 12mila e via di seguito non sarà difficile, fino all’esordio casalingo, rompere il muro dei 14mila e quindi è lecito sognare anche i 15mila.
Sarà un Via del Mare coloratissimo, in ogni occasione, e spesso ci sarà il sold out.

E il Lecce invece che squadra sarà?
In questa sessione di mercato è stata irrobustita seguendo una logica facile da intuire. È stata rinforzata la “spina dorsale” per rendere più stabile tutto l’apparato di gioco: portiere, difensore centrale, centrocampista, attaccante, puntellando anche le due fasce.
Sono arrivati il portiere Gabriel, Rossettini, difensore centrale d’esperienza che vanta 274 presenze in A, poi Shakhov, centimetri e fiuto del gol in mezzo al campo, e in avanti Lapadula, bomber con tanta voglia di riscatto, e sulle fasce, a sinistra il giovane Vera, mentre a destra Benzar, corsa e voglia di stupire.

Volendo ignorare per un attimo tutte le voci di mercato, il Lecce, in questo momento, potrebbe scendere in campo col 4-3-1-2 con Gabriel o Vigorito in porta; difesa con Benzar a destra, due tra Lucioni, Riccardi, Meccariello e Rossettini al centro, con Calderoni o Vera a sinistra, a centrocampo tre da scegliere tra Petriccione, Tabanelli, Tachtsidis, Shakhov, Majer e Haye, con Mancosu dietro le due punte, a scelta tra La Mantia, Falco e Lapadula.
Una squadra già valida che però sarà completata nei prossimi giorni con altri tre o quattro elementi.

Adesso è tempo di ritiro; a Santa Cristina nel cuore delle Dolomiti, tra corsa e sudore, tra palestra e campo, Liverani prova a incastrare tutti i tasselli al posto giusto, in attesa dell’arrivo di qualche gradito rinforzo.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*