Operazione Diarchia, in aula i 13 imputati. Montedoro in video conferenza

LECCE- In aula per la prima volta, i 13imputati ritenuti affiliati al clan di Tommaso Montedoro  e arrestati nell’operazione Diarchia del 30 maggio scorso. Montedoro e gli altri hanno scelto il rito abbreviato e il gup Cinzia vergine ha accolto la richiesta per tutti. Il 25 settembre si tornerà in aula e alcuni imputati saranno interrogati con l’ascolto anche di testimoni. Il presunto boss tommaso Montedoro, era in video conferenza dal carcere di Voghera, collegato con l’aula della Corte d’Assise dove si è tenuta l’udienza.

Il blitz era scattato dopo un anno e mezzo di indagini partite dall’omicidio di Augustino Potenza e poi proseguite dopo il tentato omicidio di Luigi Spennato. Secondo gli inquirenti, per quest’ultimo fatto di sangue, Montedoro è stato il mandante. Era un ex amico e socio di Augustino Potenza, ucciso il 26 ottobre del 2016. I due magistrati inquirenti, Guglielmo Cataldi e Massimiliano Carducci, avevano chiesto il giudizio immediato accolto dal gip Alcide Maritati. Gli arresti furono eseguiti dai carabinieri del Reparto Operativo e dal Nucleo Investigativo diretto dal maggiore Paolo Nichilo con un decreto di fermo urgente per salvare la vita a Ivan Caraccio, condannato a morte dal clan mafioso guidato da Tommaso Montedoro che dai domiciliari, a La Spezia, teneva, secondo gli inquirenti, le fila del sodalizio. Le indagini a cui seguì l’operazione Diarchia aveva fatto luce sulla perdurante attività criminale nel territorio casaranese e non solo, con Montedoro e Potenza a capo del clan, la “Diarchia”dei due cesari , appunto, nome dato all’operazione. Per questo il comune di Casarano si è costituito parte civile con l’avvocato Francesco Vergine. Del collegio difensivo fanno parte gli avvocati Giuseppe Corleto, Mario Coppola, Luigi Rella, Giuseppe Venneri, Biagio Palamà, Elvia Belmonte, Simone Viva, Andrea Stefanelli.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*