Barche in secca per le alghe: i pescatori di Frigole in protesta davanti al Comune

FRIGOLE- Per i pescatori di Frigole tirare avanti è molto difficile e in mattinata si sono presentati in gruppo a Palazzo Carafa per avere delle risposte sul loro futuro.
Come intendono gli amministratori risolvere definitivamente il problema delle alghe che ormai hanno trasformato la riva? Un tappeto profondo, un muro invalicabile per le 9 barche ormaggiate nel porto che con motori ed eliche bloccate non possono prendere il largo.

Una situazione che va avanti da anni. Nonostante si tratti di una marina di Lecce, il Comune non interviene se non con pulizie saltuarie tra l’altro molto costose e che non risolvono il problema. Zona demaniale, riferiscono, non ci compete.
Ad oggi il porto è inagibile e i pescatori sono arrabbiati. Lamentano anche il diverso trattamento subito rispetto ai pescatori di San Cataldo, che, per le stesse ragioni, hanno ricevuto un indennizzo di 4 mila euro.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*