Pet Tac, i pazienti vincono ancora: rigettato l’appello della Regione

LECCE- Depositata la prima sentenza relativa ai numerosi appelli proposti dalla Regione Puglia contro le sentenze di condanna al rimborso delle somme sostenute per eseguire l’esame PET TAC da parte di ammalati oncologici di Lecce. Il Tribunale ha rigettato l’appello della Regione ed ha confermato la decisione di primo grado, emessa nel 2013 dal Giudice di Pace di Lecce.

La sentenza del Tribunale segna un punto determinante a favore del riconoscimento del diritto alla salute degli ammalati oncologici leccesi (difesi dall’avvocato Massimo Todisco del Codacons di Lecce) che fino a poco tempo fa, non potevano eseguire l’esame PET TAC in convenzione e si trovavano costretti a doverne sostenere integralmente il costo, rivolgendosi ai privati

Non c’è budget che tenga, dunque, vince nuovamente il diritto alla salute. Nei mesi scorsi i primi rimborsi che la regione è stata costretta a pagare, poi gli appelli. Oggi la nuova vittoria dei pazienti oncologici. Il Codacons di Lecce esprime soddisfazione per questa vittoria e si augura che “la sentenza del Tribunale possa costituire lo spunto per il riconoscimento, da parte dei vertici regionali, del errore nel quale sono incorsi – scrivono – accanendosi contro la parte debole della intera vicenda. Quella stessa parte debole che, abituata a ben altre guerre, questa piccola battaglia l’ha saputa vincere”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*