Armato ad una festa, il sindaco di Taranto rischia il processo

TARANTO- Il sindaco di Taranto, Ezio Stefàno, rischia un processo per «porto d’armi nelle pubbliche riunioni da parte di persona munita di licenza»: è questa l’accusa che gli viene contestata nell’avviso di conclusione delle indagini da parte della Procura. Il 22 maggio del 2012 Stefàno festeggiò la rielezione a sindaco partecipando alla festa che si è tenuta nella sede del partito «Sinistra democratica per Stefàno». Molti fotografi immortalarono i brindisi e in qualche foto finì la pistola che il neosindaco portava nella cintura. Il primo cittadino potrebbe ora finire a giudizio anche se in possesso di regolare porto d’armi. Il sindaco si è sempre difeso dicendo di avere subito minacce e di portare l’arma con sé per questo motivo.

STEFANO SINDACO

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*