Flagello rifiuti interrati, scavi e ritrovamenti anche a Scorrano

SCORRANO- Rifiuti interrati vengono alla luce anche a Scorrano. Fin dalla mattina i Carabinieri del Noe sono all’opera in contrada Orie. Tra Scorrano, Botrugno e Supersano, l’escavatore del Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri ha portato alla luce plastiche e scarti della filiera vivaistica, blocchi di cemento inerti provenienti da attività edili, copertoni e altri rifiuti.

Tutti questi materiali in quel terreno, qualificato come agricolo, non potevano starci. Gli scavi hanno toccato una profondità di 8 metri e si presume che continueranno ancora a lungo. L’area era una vecchia cava che sarebbe stata riempita di rifiuti. Secondo le prime indiscrezioni, nessuna responsabilità sarebbe addebitabile agli attuali proprietari del terreno. Loro l’hanno acquistato 5 anni, quindi, successivamente agli interramenti.

Il sindaco di Scorrano, Antonio Mariano, ha assistito a tutte le operazioni di scavo e ha annunciato che il monitoraggio della falda idrica già in programma dallo scorso novembre sarà esteso anche nell’area oggi interessata dagli scavi.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*