Un chilo di droga nella masseria, nei guai due cognati

Sequestrato in una masseria un chilo di marijuana. Finiscono in manette ZOCCO Giancarlo 44 anni e il cognato BIASCO Massimo 37enne

marijuan2

GAGLIANO DEL CAPO- I militari del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Tricase collaborati dal Nucleo Cinofili Carabinieri di Modugno alle prime luci dell’alba hanno tratto in arresto due uomini di Gagliano del Capo (LE) per detenzione ai fini di spaccio di stupefacente. L’operazione ha preso il via alle prime luci dell’alba quando i militari dell’Arma dell’area del capo sono giunti nell’abitazione di ZOCCO Giancarlo 44 anni, incensurato, un villino bifamiliare in località San Dana.

Nel soggiorno occultati in una parete a muro vi era un primo involucro di circa 45 grammi contenente marijuana ed una bustina contente soli 5 grammi dello stesso stupefacente. La perquisizione però ha continuato a dare i suoi frutti grazie anche alla preziosa collaborazione del Nucleo Cinofili Carabinieri di Modugno ed al cane pastore tedesco AMUN; infatti nel garage dell’abitazione ben nascosto tra gli attrezzi e avvolto in un doppio calzino il “segugio” trovava una terza confezione di stupefacente di circa 60 grammi di marijuana. Questa volta però la confezione era aperta e non sigillata come le due precedenti; aprendo la confezione quest’ultima appariva il rimasuglio di un tipico panetto da mezzo chilo.

Così i militari hanno deciso di estendere la perquisizione anche ai locali della masseria ove ZOCCO unitamente al cognato BIASCO Massimo 37enne,  censito BB.DD. FF.PP., convivente, conducono un appezzamento di terreno con annessa fattoria. Giunti sul posto all’interno di un locale, adibito forse in passato a macelleria, i militari del NOR CC TRICASE hanno trovato rimasugli di buste di cellophane maleodoranti di marijuana. E ancora, a metà barile, tra il grano, i carabinieri hanno rinvenuto altri due panetti di marijuana per un peso totale di circa 900 grammi.

A termine operazione sono stati  sequestrati all’incirca 1kg di marijuana e i due cognati sono stati tratti in arresto per detenzione illegale di ingente quantitativo  di stupefacente del tipo leggero.