Tentò di investire poliziotto, fermato brindisino

In manette ANDRIOLI Vincenzo 42enne pregiudicato originario della provincia di Brindisi, ritenuto responsabile di tentato omicidio , resistenza a P.U. ed in concorso con altri di furto e tentato incendio.

polizia-arresto

MANDURIA- Gli Agenti del Commissariato di Manduria al termine di meticolose indagini, hanno eseguito un fermo nei confronti di ANDRIOLI Vincenzo 42enne pregiudicato originario della provincia di Brindisi, ritenuto responsabile di tentato omicidio , resistenza a P.U.  ed in concorso con altri di furto e tentato incendio.
Lo scorso 13 dicembre, come si ricorderà,  un’operazione di polizia portò all’arresto di tre persone colte sul fatto, mentre in un casolare diroccato lungo la S.P. Oria–Manduria stavano accingendosi a incendiare un’auto rubata alcuni giorni prima nel leccese  ed usata probabilmente per il classico “Cavallo di ritorno”.

Nelle concitate fasi dell’arresto mentre i poliziotti erano impegnati per il fermo delle tre persone colte sul fatto, l’ANDRIOLI, ignaro di quanto stesse accadendo era giunto nei pressi del casolare a bordo di una autovettura Volksvagen Passat presumibilmente per riprendere i suoi tre complici accompagnati poco prima.

Quest’ultimo, all’ALT di un agente presente sul posto, inizialmente si fermò mostrando un suo documento d’identità per poi riprendere rapidamente la marcia cercando di proposito di investire il poliziotto. Fortunatamente quest’ultimo con prontezza di riflessi riuscì a schivare l’autovettura lanciandosi nella campagna circostante riuscendo comunque a strappargli di mano la carta d’identità e a far perdere le sue tracce.

Il pregiudicato brindisino, che nei giorni successivi all’episodio si era reso latitante, al termine di articolate indagini è stato  rintracciato nelle prime ore di ieri pomeriggio nel comune di Oria  mentre si recava a casa di un parente.