Aperitivo Solidale per dire NO a tutti i bombardamenti e per aiutare Nahla e Musleh

nardo_ecologico_international_film_festival

NARDO’- Oggi, 20 agosto, dalle ore 19, nell’ambito dell’Ecologico International Film Festival, Aperitivo Solidale per dire NO a tutti i bombardamenti e per aiutare Nahla e Musleh, fratelli palestinesi accecati dai vapori delle bombe al fosforo bianco. L’evento, con la performance musicale di Alberto Piccinni, aka ibn kalb, si svolgerà a Nardó in Piazza delle Erbe.

«Nahla e Musleh pensavano di essere al sicuro a casa mentre le “dita di fuoco” abbracciavano con la loro carezza mortale il cielo di Nuseirat. Dopo pochi secondi dalla caduta di una bomba al fosforo nei pressi della loro abitazione, appena il fumo penetrò in casa, i loro occhi furono “consumati” dalle infernali esalazioni e il buio calò come un drappo ineluttabile sulla loro vita».
dal Film «Away from Gaza» di Roberto Quarta

Per dare una mano a Nahla e Musleh abbiamo dato vita a una campagna di raccolta fondi: abbiamo stampato una T-shirt molto simpatica dal titolo “Non sempre il fosforo rende più intelligenti”, illustrata dal grafico Matteo Guiotto che ha donato l’immagine del cervello con la miccia accesa.

Partecipando all’aperitivo solidale e acquistando la T-shirt si aiutano Nahla e Musleh a ritornare a Gaza.

Alberto Piccinni aka ibn kalb nasce nel Capo di Leuca e attualmente si dedica a diversi progetti di cooperazione culturale nelle vesti di educatore, musicista, curatore del suono o project manager. “Arte, musica ed impegno sociale sono un corpus unico, convinzione etica ed estetica che lo ha portato a lavorare in mille zone del mondo” (Francia, Portogallo, Campi profughi Saharawi, Argentina, Egitto, Germania, Spagna, Irlanda oltre ovviamente all’Italia). Laureato all’Università di Bologna, nasce chitarrista ma costruisce e utilizza molti strumenti non convenzionali ottenuti con materiali di risulta effettuando sonorizzazioni, performance, laboratori e interazioni con le arti visive, il teatro, il cinema. La ricerca nel linguaggio estemporaneo, nell’utilizzo di strumenti homemade (talvolta realizzati direttamente durante le performance) sono aspetti che conferiscono imprevedibilità alle esibizioni e ai lavori.