Sequestra la moglie, a giudizio 40enne di Merine

tribunale

LECCE  –  Sequestro di persona e violenza privata nei confronti della moglie. Ha scelto di essere giudicato con rito abbreviato, che si terrà il prossimo 7 ottobre prossimo, davanti al gup Annalisa De Benedictis, un 40enne di Merine, assistito dall’avvocato Giancarlo Dei Lazzaretti.

I fatti si sono verificati a Merine nel febbraio dello scorso anno.

Nel corso di una durissima lite, l’avrebbe legata e trascinata in macchina per condurla a casa dei suoi genitori.

L’abbreviato sarà condizionato all’acquisizione di documentazione medica tesa a dimostrare che la donna presenterebbe – secondo la difesa – problemi psicologici.