Processo Vantaggiato, Parato ancora assente. Sarà ascolto a domicilio

Cosimo Parato

BRINDISI   –   Sarà ascoltato a domicilio dai Giudici della Corte d’Assise il testimone chiave del secondo filone del processo a carico di Giovanni Vantaggiato. Proprio come accaduto nelle precedenti udienze, Cosimo Parato non si è presentato in aula, a causa delle sue condizioni di salute.

Con ogni probabilità la sua audizione avverrà il 4 aprile tra le mura dell’abitazione di Torre S.Susanna.

E’ quanto stabilito dal Presidente della Corte Domenico Cucchiara, preso atto dell’impossibilità di procedere all’acquisizione dei verbali della Polizia Giudiziaria, contenenti le dichiarazioni rilasciate da Parato in seguito all’attentato in cui rimase gravemente ferito nel 2008.

Una proposta avanzata dal PM Guglielmo Cataldi e respinta dall’Avv.Raffaele Missere. Rigettata anche la richiesta di stralcio formulata dallo stesso difensore di Parato. L’Avv. Missere ha chiesto ancora una volta la separazione dei due filoni giudiziari, nella convinzione che la vicenda del suo assistito possa passare in secondo piano rispetto alla strage all’Istituto ‘Morvillo- Falcone’.

Si procederà dunque in un un’unica direzione. E dopo l’esame di Parato sarà la volta di Giovanni Vantaggiato. Lo stragista reo confesso ormai assente dalla seconda udienza salirà sul banco degli imputati nelle prossime settimane. L’imprenditore di Copertino nelle scorse ore è stato trasferito nel Carcere di Borgo S.Nicola a Lecce, dopo un periodo di permanenza nel Penitenziario di Bari.

Grande attesa, inoltre, sul fronte delle intercettazioni ambientali: il Perito super partes ha infatti consegnato alla Corte, la trascrizione dei colloqui tra Vantaggiato, la moglie e le sorelle.