Inchiesta sanità, Tedesco torna libero

tedesco

BARI  –    13 giorni dopo l’arresto sono venute meno le esigenze cautelari per l’ex Senatore Alberto Tedesco  – PD, poi passato al Gruppo Mistoche da oggi pomeriggio non è più agli arresti domiciliari. La decisione è del GIP di Bari Antonio Diella che, nonostante il parere contrario della Procura, ha revocato la misura cautelare per l’ex Assessore alla Sanità della prima giunta guidata da Nichi Vendola.

Tedesco è accusato di associazione per delinquere, concussione,corruzione, turbativa d’asta e falso per fatti che risalgono a un periodo compreso tra il 2005 e il 2009, quando era Assessore e per i quali è già stato rinviato a giudizio il 4 febbraio scorso, prima del suo arresto, eseguito alla scadenza del mandato parlamentare.

L’ex Parlamentare dal 6 maggio prossimo comparirà davanti al Tribunale per difendersi dalle accuse di essere stato a capo di un sodalizio criminale che avrebbe gestito nomine, concorsi truccati e  5 appalti milionari banditi dalle ASL di Lecce e Bari.