Arrestato per marijuana confessa al GIP: “Era per le emicranie”

Luigi Cicino

BRINDISI  –   “Coltivavo marijuana, ma solo per curare il mal di testa”. Così Luigi Cicino, 45enne di Ceglie Messapica, al GIP del Tribunale di Brindisi nel corso dell’interrogatorio di garanzia. L’uomo era stato arrestato dai Carabinieri, una settimana fa, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

In casa, i militari hanno sequestrato 120 grammi di marijuana, tre piantine di canapa indiana ed un bilancino di precisione.

Il GIP, Maurizio Saso, lo ha rimesso in libertà con obbligo di dimora, convalidando l’arresto in flagranza.

Cicino, difeso dall’Avvocato Aldo Gianfreda, aveva raccontato di aver scaricato da internet le istruzioni per la coltivazione della sostanza che avrebbe voluto adoperare per curare le sue frequenti emicranie.

Tesi, questa, che non ha convinto il Giudice che alla fine ha convalidando l’arresto.