Inizia la vendemmia: in vista un 2012 straordinario

stefano

LECCE – Quello che è appena cominciato, si preannuncia come un anno straordinario per il settore vitivinicolo del Salento. Del resto, i segnali ci sono tutti: la partenza anticipata della vendemmia, perché le uve erano già mature, lo stato di salute perfetto dei vitigni, il bilancio consuntivo dell’anno precedente che lascia in eredità numeri esaltanti come i 3 milioni di ettolitri di vino di qualità prodotti, equivalenti al 52% della produzione totale.

Un ottimismo che non cela neanche l’Assessore alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia Dario Stefàno che, come da tradizione, ha dato personalmente il via alla vendemmia con il taglio del primo grappolo raccolto, quest’anno, nelle Cantine San Marzano nel tarantino.

Le previsioni ottimistiche sono state rimarcate anche dal Presidente di Assoenologi Puglia Leonardo Palumbo. Prime ad essere vendemmiate le uve precoci (Chardonnay, Sauvignon), poi sarà la volta del Primitivo e Negroamaro a fine mese.

Il 2012 sarà un anno impegnativo sul versante della riorganizzazione della vitienologia di qualità. Stefàno punta a ridisegnare la mappa dei vini di qualità Doc con l’obiettivo di esaltare al massimo il connubio vitigno autoctono – territorio.