Brindisi, rimonta complicata ma ancora possibile

Foto Andrea Baldassarre

LECCE – In serie D i giochi per il primo posto sono apertissimi e del mezzo passo falso della capolista Cavese, fermata sul pareggio dall’Afragolese, hanno approfittato solo il Nardò e l’Altamura, vittoriose contro Matera (primo stop dopo undici risultati utili consecutivi per la squadra lucana allenata dal salentino Totò Ciullo) e contro il Gladiator.

Il Brindisi, invece, è stato fermato sul pari(1-1 il risultato finale), dal Bitonto. La squadra brindisina resta in zona playoff in quinta posizione, ma lontana cinque punti dal primo posto. Una distanza non facilmente colmabile anche perché davanti ci sono tre squadre, le quali dimostrano di avere le stesse ambizioni della Cavese e dello stesso Brindisi.

Chi insegue, purtroppo, non può concedersi pause per approfittare di ogni possibile passo falso di chi sta davanti.

La squadra di Danucci sta preparando la prossima sfida contro il Gravina (all’andata 1-1), un avversario che sembra abbordabile vista la sua posizione di classifica, terz’ultima, ma la graduatoria non deve illudere o fare calare la concentrazione.

Intanto il giudice sportivo ha squalificato per due turni il tecnico Danucci.

Ed è stato fermato pure l’attaccante Santoro, due turni pure per lui. Tre giornate di squalifica, invece, per Macchioni del Barletta, una per Dubaz del Matera e una per Mancini del Martina.

Infine, le gare del 19 Marzo Brindisi-Matera e  del 26 Marzo Barletta-Brindisi, valevoli per la ventesima e ventunesima giornata di campionato di Serie D girone H, saranno anticipate rispettivamente al 12 e al 19 Marzo a causa della variazione delle date di svolgimento della “Viareggio Cup”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*