A Taviano, incarico per la formazione alla mamma dell’assessore: interrogazione anche ad Anac

TAVIANO – Un’interrogazione inviata anche al prefetto di Lecce e all’Anac, l’Autorità nazionale anti corruzione.

A presentarla sono i quattro consiglieri comunali di Taviano del gruppo “Taviano Libera”. La questione al centro del documento e posta all’attenzione degli organi competenti è quella relativa al conferimento di un incarico alla madre di un assessore.

Assegnazione che i consiglieri chiedono di sapere se sia legittima.

Si tratta di un incarico di formazione di otto giovani impiegati al servizio Civile Nazionale, per un compenso da 720,00 Euro.

I consiglieri Portaccio, Rainò, Manni e Sabato chiedono, tenendo conto che l’incarico è stato conferito alla professoressa Pasqualina Inguscio, in pensione e madre dell’asessore comunale Francesco Lezzi, e che “Vi sono tanti giovani laureati, e purtroppo disoccupati, che avrebbero potuto usufruire di questa opportunità di lavoro,

di sapere quali sono le motivazioni per cui è stato assegnato l’incarico alla professoressa, se sia legittimo, compatibile e opportuno, vista la carica ricoperta dal figlio.

Abbiamo interpellato il sindaco Giuseppe Tanisi, il quale ha fatto sapere che risponderà, come regolamento vuole, in consiglio comunale.

Nel frattempo fa sapere che la professoressa Inguscio è da sempre formatrice, nel Comune di Taviano, dei giovani impegnati nel servizio civile perché, avendo i requisiti, è sempre stata scelta -anche quando il figlio non era ancora assessore- per validare i progetti. Gli stessi interroganti, dice il primo cittadino, nominarono la signora.

La discussione è comunque rimandata alla prossima assise.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*