Lecce, Tsonev: “Prima la B, poi la Nazionale. E sono pronto a fare il trequartista”

Radoslav Tsonev
Ottica Salomi

LECCE –  (di Tonio De Giorgi) Sembra poter essere una delle sorprese di questo avvio targato Liverani. Stiamo parlando di Radoslav Tsonev che il tecnico giallorosso ha spedito in campo dal primo minuto sabato scorso a Catanzaro.  Sono felice, ho giocato tutta la partita – afferma il centrocampista giallorosso -, io mi allenao sempre bene, spero di continuare così”. Nella passata stagione con Padalino in panchina le sue presenze erano più frequenti, con Rizzo, invece, si è visto poco. Io cerco sempre di allenarmi al cento per cento quando sto bene fisicamente – precisa -, ma tocca all’allenatore decidere chi far giocare”.  Liverani lo aveva detto: anche Tsonev può interpretare il ruolo di trequartista. In attesa di vederlo in quella posizione si è disimpegnato bene sulla linea mediana. “Mi sono trovato bene – rivela -, non avevo mai giocato in questo modo, ma quando ci sono più centrocampisti io mi sento più libero. I trequartista? In Bulgaria lo avevo già fatto questo ruolo e vi posso dire che mi piace”.  Per Liverani e il Lecce Tsonev potrebbe rappresentare la marcia in più nel lungo cammino verso la Serie B.  La squadra è rimasta più o meno la stessa – osserva -, i volti nuovi sono pochi, il campionato è difficile, ma dipende da noi, siamo una squadra forte e se riusciamo a fare bene tutte le partite possiamo andare in B”. La promozione in B con i giallorossi potrebbe anche schiudergli le porte della nazionale bulgara. “Il mio obiettivo è quello di arrivare nella nazionale maggiore, così coronerei il sogno di tutti i calciatori dopo aver militato nelle nazionali giovanili”. Magari seguendo le orme del connazionale Galabinov. L’attaccante, oggi al Genoa, strappò la prima convocazione in nazionale maggiore quando giocava in Serie B con l’Avellino. “Speriamo di arrivarci quanto prima – aggiunge -, io guardo molto il campionato di Serie B e il livello è superiore a quello di C, quindi ho bisogno sicuramente di mettermi in mostra nel campionato cadetto per attirare l’attenzione del commissario tecnico”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*