Ex manifattura, Perrone scrive al Mise: “Bat responsabile del fallimento”

LECCE-La scomparsa anche dell’ultima speranza legata alla riconversione della ex manifattura porta il sindaco di Lecce, Paolo Perrone, a prendere carta e penna e scrivere al Ministro dello Sviluppo Economico, Federica Guidi, e al responsabile dell’ Unità per la Gestione delle Vertenze delle Imprese in crisi , Giampiero Castano. È duro Perrone: “Bat Italia aveva l’obbligo morale, e non solo, di monitorare l’effettiva attuazione della riconversione industriale. Bat Italia non può pensare di essersi messa la coscienza a posto – dice – rispetto al grande disagio sociale che ha arrecato nella nostra città con la sua fuga, limitandosi ad elargire una donazione economica, seppur cospicua, alle aziende Iacobucci, Ip e Hds, così come qualcuno fa, erroneamente, ai Paesi in via di sviluppo”.

Che l’epilogo sarebbe stato questo era nei fatti: da quando il colosso del tabacco ha lasciato Lecce, nel 2010, nonostante gli utili maturati, le imprese che sono subentrate non sono mai entrate a regime: i lavoratori sono rimasti in capannoni semivuoti, spesso senza far nulla, poi scivolati nell’incubo di ammortizzatori sociali che sono terminati su un binario morto. “Bat – ricorda Perrone – aveva assicurato l’affidabilità delle aziende subentranti che avevano il compito di garantire l’attuazione del Piano di riconversione. Impegni sottoscritti e puntualmente disattesi nonostante le assicurazioni formali siglate nel 2010.Ora non è più il tempo di tergiversare. E’ giunto il momento che la Bat Italia Spa si assuma tutte le responsabilità per il fallimento di quel Piano e che dica forte e chiaro cosa intenda fare per avviare concretamente una politica di sviluppo industriale sul territorio leccese”.

Difficile una risposta in tal senso. L’ultimo tentativo lo si vuole fare al Ministero, a cui il sindaco ha chiesto di “convocare con la massima urgenza – e comunque entro e non oltre il 31 marzo – il tavolo istituzionale, assicurando la presenza dei vertici della British Americana Tobacco e coinvolgendo tutte le aziende interessate al Piano di riconversione, oltre alle parti sociali e agli enti istituzionali che hanno seguito sin dall’inizio questa difficile vertenza”. Altri 215 posti di lavoro stanno andando in fumo.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*