Insulti social a Bellanova, solidarietà bipartisan. E lei: “Io sincera come una donna”

LECCE – Attacchi e insulti sui social contro Teresa Bellanova. La neoministra dell’Agricoltura, nel giorno del debutto al governo, è stata bersaglio di critiche e ironia sia per il look scelto per il giuramento al Quirinale, sia perché, con un passato da bracciante e sindacalista, ha la terza media. Dagli attacchi l’hanno difesa molti colleghi Dem e è intervenuto su Twitter il segretario Nicola Zingaretti: “Con Teresa Bellanova. Senza se e senza ma. Io e tutto il Pd”.

A replicare su Twitter è stata lei stessa: “La vera eleganza è rispettare il proprio stato d’animo: io ieri mi sentivo entusiasta, blu elettrica e a balze e così mi sono presentata. Sincera come una donna”.

Al coro dell’ironia sui social per l’abito blu elettrico si è unito anche l’ ex parlamentare Capezzone con parole che i Dem hanno definito sessiste. Quanto alle polemiche per il titolo di studio della ministra, è intervenuto il vicesegretario Andrea Orlando: “Orgoglioso del Pd che porta una ex bracciante al governo. Bellanova ha la terza media ma ha studiato all’università della lotta sociale. Ha spesso idee molto diverse dalle mie ma le ragioni per cui la state insultando sono quelle per cui la rispetto di più”.

Solidarietà bipartisan: una nota arriva anche dalla compagine pugliese di Forza Italia: “Non condividiamo, oggi come ieri, la sua posizione politica, ma troviamo disgustoso il fango e la cattiveria dei “leoni da tastiera”. Una democrazia che funziona è un sistema incardinato nel rispetto degli altri, a prescindere dalle divergenze ideologiche. Il ministro Bellanova lo conosciamo per la passione che ha messo nell’esercizio del ruolo di parlamentare e la criticheremo, se lo riterremo, per il merito della sua azione politica. Per il resto, le esprimiamo tutta la nostra sincera solidarietà”.

Massima solidarietà a Terersa Bellanova da parte del Presidente del Movimento Regione Salento Paolo Pagliaro: “Noto con dispiacere che i cretini sono sempre pronti a commentare, scrivere, e sputare fesserie e cattiverie contro il prossimo. Chi prende in giro il ministro Bellanova perché non rispecchia i propri standard estetici o per il suo outifit è semplicemente un troglodita. Aveva proprio ragione Umberto Eco, è bene ripetere il suo pensiero ogni tanto, così più di qualche sciocco si sente tirato in ballo: “I social danno diritto di parola a legioni di imbecilli”.

“Chi insulta Teresa Bellanova per il suo abito, per il suo fisico, per la sua storia di bracciante agricola divenuta sindacalista e poi ministro non è degno di una polemica pubblica: è semplicemente un poveretto”, scrive Matteo Renzi su Facebook. Mara Carfagna, Forza Italia, twitta “La ministra Teresa Bellanova ha dimostrato impegno e competenza fin dalla più giovane età. Combatterò i suoi provvedimenti quando mi troveranno in disaccordo, come la democrazia ci consente. Si vergogni chi la insulta per l’abito, l’aspetto e il titolo di studio”. “Non hanno idea di che persona sei e quale sia la tua tempra”, scrive infine Laura Boldrini.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*