Liverani: “Formazione? Ho qualche dubbio, la notte porta consiglio”

Fabio Liverani, allenatore del Lecce
Ottica Salomi

LECCE (di M.C.) – Il Lecce vola a Venezia per il posticipo della 23^ giornata del campionato di serie B. E mister Fabio Liverani traccia il punto della situazione dopo l’infortunio di Scavone ed i terribili attimi di paura. Finalmente si torna in campo, finalmente si torna a parlare di calcio giocato.
“Sono stati giorni particolari, fortunatamente abbiamo recuperato il ragazzo che sta bene e la cosa non ha lasciato strascichi. Rinviare è stata la scelta migliore, ha vinto il buonsenso di tutti, è stato un bel segnale dei vertici in questo nuovo corso che tende ad avvicinare le famiglie a seguire le gare negli stadi. Ritorniamo in campo con umiltà e impegno, riprendiamo da dove abbiamo lasciato, ci siamo allenati bene. Troviamo una squadra arrabbiata che ha nell’imprevedibilità del mister e dei suoi calciatori l’arma in più. Noi abbiamo la nostra idea di calcio e la porteremo avanti cercando di imporre il nostro gioco”.

Filippo Falco, attaccante del Lecce (Foto M. De Virgiliis)

Tra i convocati c’è Filippo Falco che è riuscito a rimettersi in piedi in tempi record dopo il taglio alla caviglia:
“Pippo ha recuperato prima del previsto, adesso decideremo con lo staff se è il caso di inserirlo gradualmente, però sta bene”.
Il mister ha qualche dubbio di formazione a centrocampo c’è un ballottaggio e anche in avanti potrebbe esserci qualche novità:
“Al posto di Scavone uno tra Tabanelli o Haye, è un ballottaggio secco tra di loro. La notte porterà consiglio. Tumminello si gioca il posto come tutti gli altri, si è allenato bene e sta bene”.
Poi ha belle parole per l’ultimo arrivato Saraniti, uomo spogliatoio importantissimo sempre pronto al sacrificio per la squadra:
“Andrea per impegno e volontà sarà sempre utile in qualsiasi squadra. Anche lui avrà i suoi momenti. E un ragazzo che voleva fortemente questo rientro, fa parte del gruppo ed è come se non fosse mai andato via”.
Il Lecce gioca conoscendo i risultati delle altre gare ma per Liverani non c’è nessun problema almeno per ora: “Non fa nessuna differenza giocare il posticipo, adesso no. Potrà incidere nelle ultime 5 o 6 gare ma per adesso ci sono ancora 48 punti a disposizione, il cammino è lungo”.

Tabanelli, foto Pinto

Infine è dispiaciuto per la situazione del Palermo ma ribadisce il suo pensiero, servono regole chiare prima dell’inizio dei campionati: “Sono dispiaciuto perché ho passato 3 anni bellissimi e sono tra gli artefice di quella finale all’Olimpico; dispiace che adesso ci sia questa situazione e spero che si risolva. Però indipendente dalla squadra o dalla piazza dove ho lasciato una parte di cuore, il mondo del calcio deve intervenire per far rispettare le regole federali”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*