In fuga sul Tevere con il battello rubato: nei guai 48enne leccese

ROMA- In fuga sul Tevere con il battello rubato. Non è dato sapere cosa sia passato per la testa al 48enne leccese che si trovava a Roma, autore dell’insolito gesto; ma sta di fatto che dopo averci dormito sopra tutta la notte ed essere stato invitato dal gestore del battello ad abbandonare il mezzo turistico, parcheggiato vicino a Ponte Marconi, il leccese lo ha minacciato con un coltello e, dopo aver mollato gli ormeggi, ha iniziato a percorrere il fiume con il mezzo rubato. Dopo solo poche centinaia di metri, però, è stato fermato dalla Polizia Fluviale ed è stato denunciato per rapina e restistenza a pubblico ufficiale

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*