Degrado nel centro storico di Lecce, insorgono i residenti

LECCE-Dove sono le telecamere che da tempo abbiamo sollecitato? Chi garantisce la sicurezza dei residenti? Siamo abituati a tutto: dagli schiamazzi agli atti vandalici, dalla sporcizia alle scritte sui muri. Ora addirittura il rogo delle auto. Sono esasperati i residenti del centro storico di lecce, all’indomani dell’incendio che ha distrutto ben tre auto, in Piazzetta Mariotto Corso ed ora raccolgono le firme, coordinati dall’associazione vivere Lecce, per arrivare ad una soluzione.

Cosa ci vuole ancora per convincere gli amministratori che è necessario installare delle telecamere? Dobbiamo forse aspettare che ci scappi il morto? si chiedono. Sabato sera il grave episodio: le fiamme, appiccate probabilmente ad una catasta di materassi abbandonati in piazzetta, si sono propagate ed hanno distrutto tre auto parcheggiate con regolare permesso, oltre che annerire le facciate di palazzi storici e provocare danni alla rete elettrica pubblica e privata.

Una notte di terrore quella vissuta dai residenti, con le fiamme alte diversi metri che lambivano i primi piani dei palazzi, il ripristino dello stato dei luoghi ha comportato l’intervento, per tutta la mattinata di domenica, di uomini e mezzi della Monteco, di Enel e di servizi per la rimozione delle vetture (paradossalmente a carico dei proprietari, oltre al danno la beffa!), con la conseguente chiusura al traffico di tutta l’area. Atti simili purtroppo sono all’ordine del giorno e in quest’area del centro storico si ripetono con preoccupante recrudescenza ormai con cadenza settimanale ad ogni week-end, costringendoci, la domenica ed il lunedì mattina, ad una sconfortante conta dei danni.Una crescente situazione di degrado a cui ora i residenti dicono basta con una pubblica lettera che tutti possono sottoscrivere.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*