Vertenza Filanto, ora tocca ai parlamentari

Filanto - Casarano

CASARANO- A Casarano, i lavoratori, che non percepiscono lo stipendio da 7 mesi, hanno incontrato 15 sindaci dei comuni del sud Salento, il presidente della provincia di Lecce, Antonio Gabellone, l’assessore regionale allo sviluppo economico, Loredana Capone e i sindacati.

In realtà, l’incontro, organizzato dal sindaco di Casarano, Gianni Stefàno, mirava a far incontrare i diretti interessati con i deputati salentini, che nei prossimi giorni si faranno portavoce delle istanze degli oltre 500 operai in cassintegrazione.

I parlamentari erano quasi tutti assenti, ma solo perchè impegnati a Roma. L’unico presente all’incontro era l’on. Roberto Marti che, parlando anche a nome dei colleghi, si è impegnato perchè sia convocata già nella prossima settimana, presso il Ministero del Lavoro, una riunione per discutere del futuro degli operai e della stessa azienda.

Solo pochi giorni fa, in Prefettura a Lecce, era stato firmato un protocollo d’intesa per l’attivazione della cassa straordinaria ministeriale, con effetto retroattivo, per recuperare le sette mensilità arretrate. Ed è questo, oltre al reintegro dei lavoratori, uno dei nodi principali della vertenza in atto a Casarano.