Ilva, Mucchetti: “Lo Stato è protagonista del risanamento ambientale di Taranto”

Mucchetti

TARANTO- Secondo giorno di audizioni per la delegazione delle commissioni Ambiente e Industria del Senato a Taranto. La prefettura del capoluogo ionico è blindata per le riunioni in corso tra la rappresentanza parlamentare, le istituzioni locali e regionali, i sindacati e le associazioni ambientaliste.

“Stiamoli addosso – ha detto il presidente della commissione industria Mucchetti – controlliamoli, ma nel giro di tre anni l’Ilva dovrebbe diventare l’acciaieria più avanzata in europa e nel mondo dal punto di vista ambientale. Servono le risorse dell’azienda che deve continuare a produrre” ha poi aggiunto Mucchetti. I custodi però, riferisce Mucchetti, sono preoccupati che l’aia non sia stata fatta nel modo migliore.

Il senatore Tomaselli del PD, relatore del decreto 61, parla di investimenti AIA capaci di rendere l’ilva un’industria efficiente.

Insieme ai sindacati si è anche discussa la possibilità di ricostituire la figura del garante come ponte tra la città e il governo

Le associazioni ambientaliste hanno consegnato sacchetti “di polvere mortale” come  l’hanno definita ai presidenti delle due commissioni, per far toccare con mano – spiegano – quello che sono costretti a respirare i bambini di taranto

Infine si è parlato anche di Commissione europea e del ruolo che deve avere nella vicenda Ilva. Gli ambientalisti attaccano Mucchetti: “Dire che la commissione europea ha l’interesse a far chiudere l’ilva per favorire gli altri paesi è una cosa grave”.