Marijuana per 2 mln di euro: arrestati due scafisti

sezione-navale-guardia-di-finanza_146420[1]

BRINDISI -Vale circa due milioni di euro, il maxi sequestro di marijuana operato in nottata da unità aeronavali e pattuglie della Guardia di Finanza di Brindisi, che hanno sequestrato 250 kg di erba, arrestando due scafisti albanesi e sequestrando l’imbarcazione utilizzata per il traffico illecito.

Era circa mezzanotte quando, ad oltre 35 miglia al largo di Brindisi, un aereo coordinato dal Gruppo aeronavale della Guardia di Finanza di Taranto, in ricognizione nel Canale d’Otranto, ha intercettato un motoscafo di circa 6 metri, in navigazione a luci spente verso le coste italiane.

Il motoscafo è stato inseguito di nascosto dall’aereo e, successivamente, da un elicottero (AB412) della Guardia di Finanza di Taranto, sino a quando non ha raggiunto le acque territoriali, intorno alle 2.30 circa. In quel momento, le unità navali della Guardia di Finanza di Brindisi, che ne avevano seguito i movimenti al radar, hanno abbordato e fermato il motoscafo, trovando a bordo numerose confezioni di marijuana e due scafisti, i quali – all’atto del fermo – hanno tentato di far affondare il natante facendo imbarcare acqua dal foro di svuotamento a poppa della stessa.

Il pronto intervento dei finanzieri della sezione operativa navale di Brindisi, saltati a bordo del motoscafo, ne impedivano l’affondamento recuperando l’intero carico di stupefacenti, costituito da 42 involucri incellofanati per complessivi 250 kg di marijuana, probabilmente destinati al mercato locale.

I due scafisti, H.Z. di 32 anni e K.E. di 25 anni, entrambi di Durazzo, sono stati arrestati per traffico internazionale di sostanze stupefacenti, con l’intervento dei baschi verdi e delle unità cinofile del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Brindisi. Dall’inizio dell’anno, la Guardia di Finanza ha già sequestrato, lungo le coste pugliesi, circa 4.700 kg di stupefacenti e 6 motoscafi, arrestando sette scafisti di nazionalità albanese.

di Antonio Portolano