CronacaEvidenzaLecce

“Ti faccio coricare nella camera mortuaria”, poi botte e insulti alla fidanzata: a processo

RACALE – Stasera ti faccio coricare nella camera mortuaria“, “non vali nulla e non sai fare nulla“, “sei una poco di buono, ti ho detto che non devi guardare o parlare con maschi“. È il tenore delle frasi, accompagnate da schiaffi e pugni in testa, che un 44enne di Racale avrebbe rivolto per quattro anni alla sua compagna, 32enne di Alliste. Con l’ipotesi di reato di maltrattamenti e lesioni personali, l’uomo è stato adesso rinviato a giudizio dal Gip Marcello Rizzo: potrà difendersi dalle accuse con al fianco l’avvocato Stefano Bruno.

La convivente, difesa dall’avvocato Francesca Conte, ha denunciato le vessazioni e le botte che avrebbe subito dal 2020 ad oggi, finendo anche più volte in ospedale. Le aggressioni si sarebbero consumate anche alla presenza delle figlie minori.

Articoli correlati

Colpito dal tronco di un albero muore un operaio dell’Arif mentre spegne un rogo

Redazione

Schianto fatale, muore una donna di 80 anni

Redazione

Malore in piscina, 13enne muore dopo 8 giorni di coma

Redazione

Lecce sulla strada giusta, 3 gol al Werder Brema

Massimiliano Cassone

Uragano ai Caraibi, morto un operaio salentino

Isabel Tramacere

Salvataggio in extremis a Nardò. La richiesta: “Serve primo intervento h24”

Paolo Franza