CronacaEvidenza

Controlli in lidi, campi e strutture ricettive: raffica di sanzioni

SALENTO -Blitz ispettivi in stabilimenti balneari, ristoranti, strutture ricettive ma anche campi: il bilancio a metà stagione è già amarissimo, con oltre 300mila euro di multe elevate.

I carabinieri del Comando provinciale, insieme al Nucleo Ispettorato del Lavoro, intensificano la stretta sullo sfruttamento e sul cosidetto “lavoro nero” vista mare: blitz e controlli da inizio stagione, monitorando le condizioni e la sicurezza in lidi e locali.

Pattuglie e agenti in azione principalmente tra Nardò, Otranto, Porto Cesareo, Salve, Presicce-Acquarica, Gallipoli e Castro.

Il bilancio, si diceva, è pesante: su 43 aziende passate sotto la lente e 253 posizioni lavorative analizzate, 169 sono risultate irregolari. Tradotto: il 66% dei dipendenti sarebbero stati costretti a lavorare tutto il giorno, senza riposo settimanale e senza ferie.

Sono stati scoperti anche nove lavoratori in nero, di cui un minorenne: per questo sei attività sono state sospese. Stessa sorte per quattro attività a cui sono state contestate gravi irregolarità in materia di sicurezza. Le sanzioni amministrative elevate su emtrambi i fronti superano i 60mila euro.  A queste si aggiungono multe per oltre 242mila euro, con conseguente segnalazione all’autorità giudiziaria di ben 35 datori di lavoro. Stando a quanto emerso dai controlli, avrebbero violato le regole inerenti la tutela di salute e sicurezza di luoghi e dipendenti, partendo dai requisiti minimi di igiene e prevenzione incendi.

 

Articoli correlati

Tragico scontro in autostrada, muoiono il fratello e la cognata del prefetto di Foggia

Redazione

In Puglia nel 2023 registrati 3.643 reati ambientali

Redazione

Lecce, il portiere Viola ceduto al Team Altamura

Tonio De Giorgi

Ospedale Covid Bari, indagati per corruzione e falso Lerario, Mercurio e altri 8

Redazione

Immersione fatale: muore sub di 62 anni a Santa Caterina

Erica Fiore

Sequestri in riva al mare: a Porto Cesareo sigilli ad un lido abusivo, a Tricase ad un ristorante

Erica Fiore