AttualitàLecceVideo

Negozi di vicinato per un cittadino su due

LECCE – Uscire di casa ed avere subito accesso ai servizi essenziali: una realtà che per i cittadini dovrebbe essere scontata ma che, di fatto, non sempre lo è. Ad evidenziarlo è una ricerca del progetto del centro studi Tagliacarne in collaborazione con Il Sole 24 ore, secondo cui in Italia solo il 39% degli italiani ha accesso a un punto vendita alimentare a quindici minuti da casa, che si tratti di grande distribuzione organizzata (iper e supermercati, discount e minimarket) o del piccolo commercio al dettaglio (panifici, macellerie, pescherie, fruttivendoli e così via).

Molto alti in classifica i capoluoghi pugliesi: Barletta occupa il primo posto sia a livello nazionale che regionale, con il 68,4% dei cittadini che abita in prossimità delle attività. Segue Bari che raggiunge il secondo posto con il 63,7%, dove la preferenza netta è per le attività locali della piccola distribuzione. Foggia con il 59,2% si attesta terza, Taranto quarta e Brindisi quinta, quest’ultima però ai commercianti locali sembra preferire la grande distribuzione.

Meno bene fa la provincia di Lecce, all’ultimo posto in tutta la regione: qui solo un cittadino su due può raggiungere facilmente un punto vendita, anche se – va precisato- le attività di vicinato si fanno più rare in provincia e più corpose, di contro, a Lecce città.

Un’indagine che fa il paio con un allarme lanciato sempre dal centro studi Tagliacarne: a causa della desertificazione e dell’overturism, i piccoli negozi, come panettieri e macellerie, stanno drasticamente diminuendo nei centri storici, dove sembra difendersi solo la ristorazione. Un dato che deve fare riflettere.

Articoli correlati

“Basta ritardi” la Cisl rivendica un accordo di programma per Brindisi

Andrea Contaldi

Lecce, in arrivo Delle Monache: Venuti alla Samp

Redazione

Ondata di caldo: cantieri edili a rischio, detenuti in sofferenza, allerta sanitaria e sociale

Barbara Magnani

Caldo torrido a Casarano, in ospedale saltano le risonanze

Redazione

Il giorno dopo lo sbarco, viaggio nel Centro di prima accoglienza

Redazione

Fernando Nazaro, Confindustria Turismo: “Più luci che ombre”

Redazione